You are currently viewing Risotto al Barbera
Risotto with red wine

 

Risotto al Barbera

320 g di riso 1 cipolla 50 g di burro 3 dl di Barbera un litro di brodo 80 g di burro 80 g di Parmigiano Reggiano grattugiato PREPARAZIONE: Su un fuoco di media intensità ponete una padella 20 g di burro e, quando quest’ultimo si sarà sciolto, aggiungete la cipolla finemente tritata. Quando le cipolle avranno preso un leggero colorito dorato, unite il riso: alzare la fiamma di cottura e mescolare con il cucchiaio di legno, facendo assorbire il condimento per un paio di minuti. Quando il riso sarà tostato, cioè risulterà quasi trasparente, abbassate la fiamma a fuoco medio e versate il vino. Quando il vino sarà evaporato, portate il risotto a cottura aggiungendo il brodo bollente poco alla volta e mescolando frequentemente. Quando il riso sarà cotto al dente (il tempo dipende dalla varietà utilizzata) togliete dal fuoco, amalgamate con il burro rimasto e il formaggio mescolando fino a quando non risulterà di consistenza cremosa, quindi servite.

  • 320 g di riso
  • 1 cipolla
  • 50 g di burro
  • 3 dl di Barbera
  • un litro di brodo
  • 80 g di burro
  • 80 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  1. Su un fuoco di media intensità ponete una padella 20 g di burro e, quando quest’ultimo si sarà sciolto, aggiungete la cipolla finemente tritata.
  2. Quando le cipolle avranno preso un leggero colorito dorato, unite il riso: alzare la fiamma di cottura e mescolare con il cucchiaio di legno, facendo assorbire il condimento per un paio di minuti.
  3. Quando il riso sarà tostato, cioè risulterà quasi trasparente, abbassate la fiamma a fuoco medio e versate il vino.
  4. Quando il vino sarà evaporato, portate il risotto a cottura aggiungendo il brodo bollente poco alla volta e mescolando frequentemente.
  5. Quando il riso sarà cotto al dente (il tempo dipende dalla varietà utilizzata) togliete dal fuoco, amalgamate con il burro rimasto e il formaggio mescolando fino a quando non risulterà di consistenza cremosa, quindi servite.

Fonte: Accademia Barilla